Non tutte le proteine sono uguali

Sie sind hier: Home » Cani e gatti sani grazie all’alimentazione giusta » Non tutte le proteine sono uguali
Non tutte le proteine sono uguali 2016-10-12T18:46:40+00:00

Non tutte le proteine sono uguali

La proteina

Cani e gatti hanno bisogno di molte proteine. Tuttavia, per assicurare la buona salute del proprio cane o gatto nel lungo periodo, non è solo importante rispettare la giusta quantità, ma anche giusta tipologia di proteina!!!

Non tutte le proteine sono uguali! Distinguiamo, infatti, tra proteine animali e proteine vegetali, in altre parole proteine corrette o proteine sbagliate per l’alimentazione di cani e gatti!
Sia le proteine vegetali, che quelle animali sono formate da catene di aminoacidi diversi. Esistono tipi di aminoacidi essenziali e aminoacidi semi-essenziali. “Essenziale” significa che devono essere introdotti con gli alimenti! Noi esseri umani siamo onnivori e troviamo gli aminoacidi essenziali necessari sia nelle proteine animali, sia in quelle vegetali! Cani e gatti invece sono principalmente carnivori e assumono aminoacidi essenziali prevalentemente attraverso le proteine animali contenute dal cibo!

Pertanto non solo la quantità, ma piuttosto la qualità delle proteine è determinante perché l’organismo animale sia sano e produttivo!

Un sovraddosaggio di proteine può però causare problemi – anche se si tratta delle proteine giuste! Se un cane assumesse ogni giorno tanta carne quanta ne assume un lupo in natura durante il suo pasto – ricordiamo che il lupo in libertà non si nutre giornalmente -, si ammalerebbe in seguito all’eccessiva quantità di proteine della sua dieta! Ad es. il motivo per cui un cane non dovrebbe mai mangiare cibo per gatti è che normalmente tale mangime contiene troppe proteine per un cane!

Un cane che viene nutrito giornalmente con una quantità di proteine troppo alta, inevitabilmente sarà soggetto a malattie! Ha bisogno quindi di una dieta composta da una miscela di carne, carboidrati e grassi, che si differenzia completamente da quella dei lupi in natura che spesso non assumono cibo per lunghi periodi!

Le norme di legge sull’ordine decrescente nei mangimi composti

Tutti gli ingredienti primari, che siano riportati in modo generico o specifico, devono per legge essere indicati in ordine decrescente secondo il loro peso sull’etichettatura sotto la voce ingredienti. Pertanto, se la prima dicitura riguardante il componente di carne è posta solo in seconda o terza posizione, significa che altre materie prime hanno una quota quantitativa maggiore e quindi potrebbero fornire la maggior parte delle proteine presenti nel mangime; in altre parole fornire proteine sbagliate!

Varie definizioni di carne

Hochwertiges Alleinfutter Hunde, KatzenAnche se gli ingredienti di un prodotto indicano la componente di carne al primo posto, non è comunque un parametro per stabilirne la qualità. La Legge stabilisce le norme per i termini riguardanti la carne ammettendo l’indicazione del peso considerato in umido oppure in stato essiccato. Le diciture sull’etichetta specificano se la carne è stata pesata ed posta in ordine decrescente  nell’elenco degli ingredienti prima o dopo il processo di essiccazione. Si consideri però che la carne fresca contiene il 70% – 80% di acqua, mentre mangime secco solo il 10%. Dopo il processo di essicazione rimane quindi solo un settimo o un ottavo del peso originario della carne. È pertanto necessario riflettere a quale posto retrocederebbe la dicitura se si calcolasse il peso della carne in versione essiccata piuttosto che fresca e quale sia quindi il vero rapporto quantitativo tra proteine animali e vegetali.

Bisogna fare attenzione anche alle diciture che ci paiono particolarmente allettanti come per esempio “con il 40% di carne fresca di agnello”. Se calcoliamo il 40% di carne fresca di agnello per una confezione di mangime secco da 10kg, significa che sono stati adoperati 4kg di carne fresca equivalenti a ca. 600g di carne essiccata, ovvero il 6% del contenuto dell’intera confezione.

Definizione prodotto in stato umido

  • Pollame, carne di pollame
  • Pesce, sottoprodotti di pesce
  • Manzo, (con succosa carne di manzo)
  • Carne, sottoprodotti di carne
  • Anatra, carne di anatra, oca, carne di oca, ecc.…

Definizione prodotto in stato essiccato

  • Farina di pollame, carne di pollame essiccata
  • Farina di pesce, pesce essiccato
  • Farina di manzo, carne di manzo essiccata
  • Farina di carne, carne essiccata

Le indicazioni di carne date in percentuali (%) devono quindi esser prima messe in relazione al prodotto umido, sennò si rischia di paragonare le mele con le pere.

La definizione esatta del componente di carne ed in particolare della qualità delle proteine rappresentano un punto molto importante tra i 7 connotati di qualità di Fedor® Alimenti per Animali. Oltre ad elencare una dicitura specifica per il componente di carne, ogni confezione di mangime completo Fedor® indica anche la percentuale di proteine animali (ovvero le proteine corrette per una sana alimentazione). Il contenuto proteico di carni animali varia, a seconda del tipo di mangime, tra il 75% e l’85% della quantità totale di proteine, un tasso percentuale raggiungibile solo grazie ad una sostanziosa aggiunta di carne.

La Legge non impone una descrizione della qualità proteica così precisa. Fedor® ha introdotto queste indicazioni specifiche del tutto volontariamente in modo da dare maggiori garanzie di qualità, sicurezza e trasparenza ai propri clienti Fedor®!